La Magia dell’Acqua

I filosofi greci individuarono nell’acqua uno degli arché (origine) del cosmo, cioè una delle diverse soluzioni proposte dai presocratici per cercare di ricondurre a un’unica sostanza i mutamenti della natura. In particolare Talete sostenn che l’Acqua fosse il principio primordiale che determina la vita, nel quale tutte le realtà ritornano una volta terminata la loro esistenza.

Aristotele non trovò ragioni a questa affermazione, ma intuì che l’idea di Talete doveva provenire dalla semplice osservazione della natura: ogni essere si nutre dell’umido, quindi tutto ciò che è umido è vitale; perciò, essendo l’Acqua fonte di questa umidità vitale, deve essere anche il principio fondante.

In alchimia l’elemento Acqua è associato al numero 2, in quanto simbolo di polarità in antitesi all’unità rappresentata dal fuoco: come quest’ultimo esprime creatività, espansività e addizione, l’acqua al contrario è indice di passività e sottrazione. Identificabile con tutto quel che è liquido e fluisce, anche metaforicamente, l’Acqua era assimilata al mercurio dei filosofi, in particolare se abbinata all’Aria.

Sul nostro pianeta, il fluire delle maree è provocato dalla Luna, le cui caratteristiche astrologiche di ricettività e sensibilità si riflettono anche nell’elemento Acqua. L’Acqua e la Luna sono dunque in stretta relazione sia a livello fisico, che a livello sottile. 

 

Divinità Femminili Teti, Tiamat, Afrodite, Iside,  Mari, Mariamne, Yemaya, Melusina
Divinità Maschili Oceano, Poseidone, Nettuno, Osiride, Manannan, Llyr, Ea, Dylan Ail Don
Spiriti Elementali Ondine 
Punto cardinale Est – Mizrach* 
Grande nome Elohim Tzabaoth
Arcangelo Raphael
Angelo Taliahhad
Governatore Tharsis
Re Nicksa
Mantra Ni – Ex – Saa
Pianeti Luna, Venere
Segni zodiacali Cancro, Scorpione, Pesci
Stagione Primavera*
Periodo del giorno Alba – Ra*
Simbolo Una mezza Luna rivolta in alto

Il segno dell’Acquario, ovvero due onde sovrapposte

Temperamento Flemmatico
Colori Blu, Azzurro, Verde acqua, Grigio, Indaco, Viola scuro
Gemma Acquamarina, Quarzo, Cristallo
Metalli Argento, Stagno
Resine Canfora, Mirra
Piante Ninfea, Loto, Muschio, Giglio d’acqua, Felce, Giunco, Alghe
Albero Salice, Eucalipto
Animali Delfini, Foche, Pesci, Serpenti d’acqua
Luogo Oceano, Mare, Laghi, Stagni, Torrenti, Fiumi, Paludi, Fonti, Pozzi
Oggetto rituale Coppa, Calice
Seme delle carte Coppe
Parte del corpo Addome, Stomaco, Apparato urogenitale, Apparato riproduttivo, Mente inconscia
Senso Gusto
Sfera d’azione Sensazioni, Emozioni, Coraggio, Fantasia, Amore, Dolore.

Secrezioni del corpo, tutti i liquidi contenuti in un corpo

Potere Sapere
Caratteristiche Mobile, Passiva
Qualità Freddo-Umido.

Elemento contrario: Fuoco.

Col freddo diviene solida come la terra, con l’umidità le sue particelle si trovano nell’aria.

Proprietà Densità, Mobilità, Oscurità. Elemento contrario: Aria

Due volte più attiva della terra, tre volte più rarefatta, quattro volte più mobile.

Polarità Negativa, Femminile


*** Notoriamente l’Acqua viene associata al Punto Cardinale Ovest, all’Autunno e alla Sera, ma ritengo queste attribuzioni frutto di convenzioni fuorvianti. Per comprendere le attribuzioni citate, si veda l’articolo I Segni Zodiacali.

 

Attributi dell’Acqua

  • E’ il più antico e possente degli elementi, ed ha il predominio sugli altri: inghiotte la terra, spegne il fuoco e si eleva nell’aria e, precipitando sotto forma di pioggia è origine di tutto ciò che cresce sulla terra, crea ciò che nuota nell’acqua e ciò che vola nell’aria.
  • L’Acqua è il principio d’ogni cosa.
  • Rinserra le virtù seminali in ogni cosa, ed in essa risiede la capacità di generare ogni cosa.
  • La necessità dell’acqua è così grande che senza di essa la vita sarebbe impossibile: la terra senza l’umidità nulla può dare alla luce.
  • Senza di essa è impossibile ogni rinascita spirituale.
  • Ha effetti rilevanti nelle purificazioni e nelle espiazioni, al pari del fuoco.
  • L’Acqua è l’elemento proprio della qualità della vita e dell’equilibrio, data la sua capacità di formare una superficie piatta e uniforme in ogni circostanza. Dunque è grazie a questo elemento che si mantiene l’equilibrio vitale sulla terra. Attraverso il progressivo danneggiamento dell’ambiente, e il conseguente degrado di tutti i sistemi d’acqua, tale qualità verrà eliminata e sostituita dal bacio della morte.
  • La straordinaria bellezza della Natura che raramente viene sperimentata dagli esseri umani, è un dono del potere rigenerativo di questo elemento, e tale bellezza non è soltanto un dono estetico, bensì una qualità fondamentale della vita.
  • Attraverso il nucleo dell’Elemento Acqua fluiscono qualità magnetiche; tale forza viene chiamata Fluido Magnetico.

 

 

Corrispondenze dell’Acqua

L’Elemento Acqua corrisponde al centro emozionale ed è collegata alle caratteristiche di chiusura e contrazione.

E’ l’elemento dominante del carattere flemmatico.

Caratteristiche Attive Caratteristiche Passive
Amore Apatia
Tenerezza Timidezza
Devozione Stagnazione
Modestia Egoismo
Nutrimento Amarezza
Perdono Rabbia
Serenità Depressione
Compassione Colpa

Per acquisire familiarità con questo Elemento ed assumerne le caratteristiche ed il potere, è consigliabile svolgere attività quali il nuoto, un bel bagno rilassante con oli profumati, passeggiare sulla spiaggia o mettere i piedi in un torrente, abbracciare la persona amata, fare un pianto liberatorio oppure brindare con un bel bicchiere di acqua alla Luna quando è piena.

 

 

Meditazione dell’Acqua

acqua

Prima Fase

  1. Volgiti verso Ovest, radicati e centrati.
  2. Percepisci il sangue che scorre a fiumi nelle tue vene, senti i liquidi contenuti nel tuo ventre, e in ogni cellula del tuo corpo.
  3. Senti te stesso come una goccia congelata nell’oceano primordiale, che è il grembo della Grande Madre.
  4. Ora, lentamente, senti il tuo corpo fluidificarsi, sciogliesi come ghiaccio d’estate.
  5. Cerca laghi tranquilli all’interno di te stesso, i fiumi delle emozioni e le maree di potere.
  6. Immergiti nel pozzo della tua mente, nel tuo inconscio.
  7. Identificati con le Potenze dell’Acqua.
  8. “Salute a te Tiamat, serpente degli abissi marini”.

Seconda Fase

  1. Trova dentro te stesso la palude malarica dei sentimenti negativi come rabbia, gelosia, dolore.
  2. Trasformala in un lago limpido e trasparente, che rispecchi fedelmente la purezza della Natura.
  3. Impara a controllare le tue emozioni, senza cadere in nessun caso nella collera, nell’odio e nella gelosia, e volgi le forze fin’ora sprecate in queste direzioni verso il tuo proprio miglioramento spirituale.

Terza Fase

  1. Medita sul simbolo del cerchio, ricercando i suoi significati e le sue corrispondenze.
  2. Medita sul simbolo della Luna e sul numero 9.
  3. Medita sulla triplicità dell’Acqua in tutti i suoi aspetti, i suoi attributi e le sue corrispondenze nei simboli zodiacali.

 

Tattva dell’Acqua

 

 

Utilizzare un cartoncino colorato, di colore grigio chiaro o argento, e ritagliare una mezzaluna con un raggio di  6 cm.

 

Terra dell’Acqua: mezzaluna grigia del raggio di 3 cm con quadrato giallo di 1 cm con triangolo rosso con i lati di 1 cm

Aria dell’Acqua: mezzaluna grigia del raggio di 3 cm con un cerchio azzurro del raggio di 1 cm

Acqua dell’Acqua: mezzaluna grigia del raggio di 3 cm con mezzaluna grigia del raggio di 1 cm

Fuoco dell’Acqua: mezzaluna grigia del raggio di 3 cm con triangolo rosso di 1 cm per lato

Etere dell’Acqua: mezzaluna grigia del raggio di 3 cm con un ovale di 1 cm

 

Meditazione della coppa

Radicati e centrati.

Respira profondamente e ritmicamente, mentre tieni la coppa tra le mani: essa è il simbolo del nutrimento, dei seni traboccanti della Grande Dea che nutre tutto ciò che esiste.

Avverti dentro te stesso il potere dell’Acqua, dei sentimenti e delle emozioni.

Entra in contatto con il flusso delle tue emozioni:

senti il flusso dell’amore che scorre dentro di te

senti la rabbia che avvampa

senti il dolore disperarsi

senti la gioia invaderti

Ora sai come vieni nutrito, e come tu nutri gli altri; prendine coscienza, e non dimenticarlo mai.

Lascia che le emozioni fluiscano attraverso le tue mani e riempiano la coppa.

 

 

Consacrazione dell’Acqua

(Eliphas Levi)

 

La consacrazione dell’Acqua si compie con l’imposizione delle mani, con il soffio e con il Verbo, spargendo su di essa del sale consacrato mescolato con un po’ della cenere rimasta nel braciere dell’incenso, debitamente consacrata. Si consacra l’acqua dicendo:

Fiat firmamentum in medio aquarum et separet aquas ab aquis, quæ superius sicut quæ inferius,

et quæ inferius sicut quæ superius, ad perpetranda miracula rei unius.

Sol ejus pater est, Luna mater et Ventus hanc gestavit in utero suo,

ascendit a terra ad cœlum et rursus a cœlo in terram descendit.

Exorcizo te, creatura aquæ, ut sis mihi speculum Dei vivi in operibus ejus, et fons vitæ,

et ablutio peccatorum.

Amen.

 

Quindi si recita l’Orazione delle Ondine.

 

 

 

Orazione delle Ondine

(Eliphas Levi)

Terribile Re dei mari!

Voi che tenete le chiavi delle cateratte del cielo,

che serrate le acque sotterranee nelle caverne della Terra

Re del diluvio e delle piogge di primavera!

Voi che aprite i sigilli alle sorgenti dei fiumi e delle fonti,

Voi che all’umidità, che è il sangue della terra

Ordinate di trasformarsi in linfa per le piante

Noi Vi adoriamo e Vi invochiamo!

Noi che siamo le Vostre mobili e mutevoli creature!

Parlateci delle grandi commozioni del mare

e tremeremo davanti a Voi!

Parlateci delle Vostre creature incostanti e cangianti

nel grande tumulto del mare

Parlateci nel mormorio delle acque limpide

a brameremo il Vostro amore!

Oh, Oceano di perfezione infinita!

 Altezza vertiginosa che ti rispecchia nel profondo!

Oh Profondo che nell’altezza ti esalti!

Portaci nella vera vita

con il potere della conoscenza e dell’amore!

 Portaci nell’immortalità con il sacrificio,

affinché noi possiamo un giorno essere giudicati degni

di offrirVi acqua, sangue e lacrime

per la nostra redenzione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.