dharana

Dharana: la Concentrazione

Cosa significa Dharana

Il Ruolo dei Guna nel Dharana

Strumenti del Dharana

Il Mantra del Seme

Dharani: Formule Magiche

Cosa significa Dharana

Dharana è la sesta tappa dell’Ashtanga Yoga. Quando il corpo è stato temprato dagli Asana, la mente è stata perfezionata dal fuoco di Pranayama e i sensi sono stati posti sotto controllo mediante Pratyahara, lo yogi raggiunge la sesta tappa, Sharana.

La parola Dharana deriva dalla radice sanscrita dhri, che significa trattenere. Da qui abbiamo la parola Dharana che è un aggettivo che ha il significato di ciò che sostiene, che mantiene il ricordo, che protegge.

Nelle Otto Ashtanga, Dharana rappresenta la concentrazione che, di fatto, consiste nel mantenere l’attenzione focalizzata.

Patanjali descrive la concentrazione come la capacità di “legare la coscienza in un unico posto”.

Dunque, l’obiettivo del Dharana è concentrare la mente focalizzando la propria attenzione su una qualche entità stabile.

L’oggetto particolare selezionato non ha nulla a che fare con lo scopo generale, che è quello di fermare la mente dal vagare in pensieri, ricordi, sogni, tenendola risolutamente su qualche oggetto apparentemente statico.

Man mano che si intensificherà l’attenzione in una sola direzione e su un unico punto, le altre attività mentali cadranno.

in cui dovrà essere del tutto assorbita. In questo modo la mente sarà focalizzata e verrà del tutto assorbita dall’oggetto fino a diventare una cosa sola con esso.

In questo stato, la mente, l’intelletto e l’ego sono tutti sotto controllo e non vi è più la sensazione di Io e mio.

La pratica di Dharana potrebbe essere definita come il totale assorbimento delle energie mentali in un singolo posto.

Questo “posto” dove trattenere la coscienza può essere:

  • fisico, come un oggetto esterno. In questo caso ci si focalizza su un oggetto qualsiasi come un fiore, un frutto, la fiamma di una candela, eccetera, oppure uno Yantra o addirittura un Mandala. 
  • energetico, come un Chakra o una Nadi. In questo altro caso ci si concentra ad esempio su un pensiero ripetuto mentalmente, un mantra, una immagine visualizzata ad occhi chiusi oppure un suono, come AUM).

La concentrazione quindi può essere rivolta verso l’interno o verso l’esterno, praticata con gli occhi aperti o chiusi. Anzi, proprio una serie successiva di concentrazioni che dal materiale andranno al sottile, porterà ad uno stato di meditazione.

Questa abilità di focalizzarsi con attenzione continua è essenziale per ottenere i successivi due stadi dell’Ashtanga: Dhyana e Samadhi.

Senza riuscire prima a concentrarsi su un singolo punto, non si riuscirà mai a guadagnare il controllo della mente. Sarà quindi impossibile mantenere periodi prolungati di calma mentale, fondamentale per riuscire a meditare in modo profondo.

Dunque, è chiaro che Dharana è lo strumento per entrare in Dhyana che è uno stato particolare della mente che, se mantenuto a lungo, ci fa entrare nel tanto sospirato Samadhi, nelle sue varie forme.

Dharana, Dhyana e Samadhi infatti possono essere considerati stati progressivamente più avanzati di concentrazione, senza una vera e propria linea di separazione tra di loro.

Assieme inoltre costituiscono Raja Yoga, lo Yoga Regale, una delle più elevate pratiche nella realizzazione dello Yoga (inteso come Unità).

 

Il Ruolo dei Guna

E’ importante distinguere bene il ruolo dei tre Guna nel mentale.

Sattva è la vera natura della mente, mentre Rajas e Tamas sono i fattori di agitazione e inerzia che devono essere rimossi.

La mente concentrata è una mente sattvica, che ha il potere innato del rinnovamento di sé e della percezione più profonda.

Quando è distratta, la mente è rajasica, che ci coinvolge in attività non necessarie e causa le nostre azioni in modo disturbato.

Una mente noiosa è tamasica e rallenta tutte le risposte e ci fa catturare dal punto di vista emotivo negativo in una forma o nell’altra.

La mente meditativa dipende da uno stile di vita sattvico basato su Yama e Niyama i primi due Ashtanga dello Yoga, e in particolare su Ahimsa, la non violenza.

Questo stile di vita sattvico implica uno stile di vita ayurvedico che equilibra la costituzione come Vata, Pitta o Kapha e uno stile di vita yogico, che include tutti gli strumenti dello Yoga relativi a corpo, prana, sensi, mente e cuore.

Se la meditazione non procede bene o se manca la concentrazione, potrebbero esserci fattori nello stile di vita che la inibiscono.

 

Strumenti del Dharana: Drishti e Mantra

Esistono numerosi strumenti di concentrazione insegnati in Yoga e Vedanta.

Questi possono essere divisi in due gruppi, in primo luogo quelli che usano la luce e la vista, e in secondo luogo quelli che usano il suono e il mantra.

 

Drishti Yoga.

Il primo gruppo di metodi di concentrazione consiste nel fissare lo sguardo, quello che tradizionalmente nello Yoga viene chiamato Drishti.

Si può fissare lo sguardo su oggetti esterni come un albero, un fiore, un fiume che scorre, o su colori, luci e motivi geometrici, compresi gli yantra, come ad esempio lo Sri Yantra.

Si può anche fissare lo sguardo interiormente verso i Chakra, in particolare il terzo occhio, la sede della percezione interiore e il cuore, la sede del Sé superiore. Questo metodo può essere combinato con la visualizzazione.

 

Mantra Yoga.

Il secondo gruppo di metodi di concentrazione enfatizza il Mantra, in particolare il canto delle sillabe di semi o dei mantra bija che iniziano con Om .

Questi suoni concentrati proiettano un’unica vibrazione sonora coerente attraverso la quale la mente può essere facilmente concentrata.

La parola sanscrita mantra- deriva dalla radice man- “pensare”. 

Generalmente l’approccio mantrico è più importante di quello visivo poiché le nostre menti sono impegnate interiormente in suoni e parole. 

Inoltre, attraverso il mantra possiamo sostenere una corrente non solo di suono ma anche di luce.

Tuttavia, si possono combinare entrambi i metodi, Drishti e Mantra, che coinvolgono la luce e il suono.

La corrente dei nostri pensieri e il movimento degli occhi riflettono entrambi il flusso della consapevolezza.

Un buon metodo per sviluppare la concentrazione che combina il fissare lo sguardo (drishti-Dharana) e il mantra (mantra-Dharana) è quello di ripetere mentalmente il mantra di un seme mentre si guarda una candela, mantenendo lo sguardo fisso senza battere ciglio.

Lascia che il mantra si fonda nella fiamma esterna e che la fiamma si fonda nella fiamma del tuo terzo occhio.

Ciò trasformerà un mantra-Dharana esterno in un mantra-Dharana-interno.

 

Bija: il Mantra del Seme

Il modo più semplice per sviluppare il potere dell’attenzione è concentrarsi su un singolo suono come in un Bija mantra. 

I mantra Bija sono a una sillaba e terminano tipicamente in anusvara, cioè un semplice suono nasale. 

I mantra seme delle divinità sono una parte essenziale della compendio tantrica. Questi sono derivati ​​dal nome di una divinità; per esempio, Durga produce dum e Ganesha produce gam. 

I Bija dei Chakra sono i suoni prodotti dalla rotazione dei Chakra (ricordiamo che i chakra sono delle ruote d’energia) che ruotano con differenti frequenze e quindi producendo differenti suoni.

Non vanno confusi con i Bija Akshar, che sono i suoni corrispondenti ai diversi aspetti dei Chakra (petali o valenze) e si percepiscono quando la Kundalini passa attraverso di essi.

 

dharana
Sillaba OM

Il mantra più elementare è Om , che nell’Induismo è noto come Pranava mantra, la fonte di tutti i mantra.

La filosofia indù alla base di ciò è la premessa che prima dell’esistenza e al di là dell’esistenza c’è solo una realtà, Brahman, e la prima manifestazione di Brahman espressa come Om.

Per questo motivo, Om è considerato come idea di base e promemoria, e quindi ha il prefisso e il suffisso per tutte le preghiere indù.

 

Rendere la mente unidirezionale in un mantra del seme induce la mente a fare un salto di qualità nella consapevolezza, verso la coscienza universale, oltre i limiti spazio-temporali.

In pratica, il mantra sonoro primordiale è un importante strumento di concentrazione che conduce ad una trasformazione interiore.

Quando lo si ripete, la vibrazione del mantra entra gradualmente nella mente più profonda, raggiungendo i samskara o i modelli karmici alla base del subconscio.

La luce del mantra può illuminare anche le parti più oscure più profonde della mente subconscia, rilasciando qualsiasi energia bloccata al suo interno.

Per questo motivo, lo sviluppo della concentrazione attraverso il mantra è uno dei migliori strumenti di guarigione psicologica.

Attraverso questa pratica si può spezzare abitudini, dipendenze, traumi radicati, e dissolvere modelli emotivi negativi, anche quelli dimenticati dalla mente cosciente.

Non richiede di analizzare l’inconscio, rivivere i nostri traumi o scavare vecchi ricordi. Il mantra cambia la struttura energetica della mente, in modo tale che tali schemi negativi non abbiano spazio per svilupparsi o rimanere.

La mente si basa su parole e suoni, che creano e sostengono il modello vibratorio della mente.

Le parole dentro di noi racchiudono emozioni, sentimenti, ricordi, sensazioni, idee e intuizioni. Sono contenitori per molte cose sopra e oltre il significato palese che le parole possono effettivamente avere.

Le nostre esperienze si svolgono in schemi di comunicazione, parole e suoni, incluso non solo ciò che è stato detto, ma come è stato detto e come è incorporato nella nostra memoria più profonda.

Il controllo del discorso interiore è la base del controllo della mente. La stabilità del discorso interno, a sua volta, si basa sulla stabilità del discorso esterno o dell’organo vocale.

Attraverso il mantenimento del nostro suono interiore e delle correnti di pensiero attraverso l’uso dei mantra, possiamo non solo stabilizzare la mente, ma anche cambiare i modelli sonori dominanti fino al livello subconscio e per aprire i livelli più alti di consapevolezza.

Il mantra permette di collegare il discorso esterno con il  discorso interiore. Inoltre collega l’individuo a vibrazioni del suono cosmico.

I mantra Bija possono essere prefissati e aggiunti ad altri mantra, creando così mantra complessi. 

Nella scuola tantrica, si ritiene che questi mantra abbiano poteri soprannaturali e vengono trasmessi da un precettore a un discepolo in un rituale di iniziazione. 

I mantra tantrici trovarono un pubblico e adattamenti significativi nell’India medievale, nel sud-est asiatico indù e in numerosi paesi asiatici con buddismo.

 

Dharani: Formule Magiche

Il termine sanscrito धारणी dhāraṇī è un sostantivo femminile, derivato dall’aggettivo “dhāraṇa”.

Con questo termine si indicano nel Buddhismo dei sūtra di varia lunghezza contenenti formule magiche di sapienza oltremondana, con un forte contenuto simbolico o poteri apotropaici, e suoni dalla funzione attiva simile a quella dei mantra.

In pratica un dharani è un canto buddista, un codice mnemonico, un incantesimo o una recitazione, di solito un mantra costituito da frasi sanscrite o pali. , costituiscono una parte importante della letteratura buddista storica.

Questi canti, ritenuti protettivi e dotati di poteri per generare merito per il devoto buddista, hanno radici nella letteratura sanscrita vedica, e molti sono tradotti in cinese, coreano, giapponese.

La recitazione di Dharani a fini di guarigione e protezione è indicata come Paritta, termine generalmente tradotto come “protezione” o “salvaguardia”.

Le idee di genere Dharani hanno ispirato anche i testi giapponesi del Kojiki e le pratiche di canto chiamate Daimoku Nenbutsu (Giappone), Nianfo (Cina) o Yombul (Corea).

Sono una parte significativa dello storico dazangjing cinese e del daejanggyeong coreano – le raccolte dell’Asia orientale del canone buddista tra il V e il X secolo. 

 

Cosa ne pensi?